Libertà va cercanno

63

’Na centinara de gilet arancioni che nu’ je frega gnente der divieto d’assembramento se raduna a Milano chiedenno tra l’antro er ritorno alla lira italica e l’avvento de ’n governo votato dar popolo. La questura promette d’identificà e denuncià li contestatori pe violazione der decreto contro la diffusione virale; er sinnico Beppe Sala parla de ’n atto d’irresponsabilità drent’ a ’na città duramente provata. Ne la capitale ducento persone partecipeno a la marcia su Roma e vengheno isolate senza riuscì a raggiugne l’obiettivi de palazzo Chigi e de Montecitorio; la protesta cià chiari contorni negazionisti: traditori, aridatece la libertà; er virus nun esiste, è ’n trucco p’inventà la crisi; è tutto un disegno politico, economico e sociale, perché ce vonno venne a la Cina. L’ispiratore nazionale der movimento è er palermitano Antonio Pappalardo, co ’n passato de generale de li carabinieri e de sottosegretario sociardemocratico, che mo s’arichiama a li diritti costituzionali de libertà e dignità.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Antonio Pappalardo