Li magistrati so’ imparziali

59

Silvia Albano, giudice der tribunale de Roma e presidente de Magistratura democratica, venerdì a Palermo parteciperà dall’incomincio ar congresso de l’Anm. Er titolo, «Magistratura e legge e tra imparzialità e interpretazione», ce fa capì bene quello che sarà. Principiamo da qui: da che se capisce che ’n magistrato nun fa distinzioni?

«Da li provedimenti che pija e no dar fatto che ponno piacé o nun piacé a ’na parte, ma dar fatto che nun s’hanno mai da addoprà du’ pesi e du’ misure. È ’na cosa bona che l’argomento de l’imparzialità è ar primo posto sur tavolo de sto congresso, perché è er caso de levà da mezzo quarch’ipocrisia. Faccio ’n esempio che m’ariguarda: li giornali de la destra m’hanno fatto sortì fora come ’na giudice “comunista e che sta co li migranti” pe la quistione de falli rientrà in Slovenia come si gnente fusse. L’istessi giornali, poi, hanno scritto che so’ ’n esempio de imparzialità quanno ch’ho rifiutato la dimanna de risarcimento de ’n collega mio, l’ex giudice Antonio Esposito, contro Daniela Santanchè. Nun penzo che dì papale papale che a la base der propio codice de valori ce stanno la costituzione, le leggi costituzionali e la necessità de falle vive ne la giurisdizione vordì tené l’occhi da ’na parte sola».

A guardà bene quello che ce sta dietro, pare che ner congresso c’è er caso de la giudice Iolanda Apostolico…

«Me pare che le sezioni unite de la cassazione hanno piazzato ’n punto fermo su quela storia: a forza d’ariccapezzasse, insomma, è sortito fora che er ragionamento de Apostolico nun era propio sbajato. Le sezioni hanno trovato un contrasto ’nfra le regole interne e la direttiva de l’Europa e hanno messo ’n piedi la quistione de pregiudizio: so’ giudici de l’urtima istanza e nun poteveno fà diversamente, tramente che Apostolico, che è giudice de merito, poteva, anzi doveva fà cuccù a la norma interna».

Apostolico fu messa ’n mezzo a ’na campagna de mardicenza perché partecipò a ’na manifestazione innanz’a la nave Diciotti ar porto de Catania.

«Li giudici, come chiunque, cianno l’idee loro, li valori loro, ’nzomma la penzeno come je pare… C’è ’n po’ de ipocrisia a dì che pe sembrà imparziale un giudice nun dovrebbe fà capì l’idee sua: nun è che nun caccià fora l’opinioni nostre vordì che nun ce l’avemo. Ecco, è mejo che li cittadini sanno o nun sanno come la pensa ’n giudice? Poi, aridico, l’imparzialità de ’n giudice se misura da li provedimenti che pija, quanno che se dà da fà pe fà rispettà le leggi; er giudice cià da appoggià la decisione sua su le norme de l’ordinamento che è fatto da la legge ordinaria e da le carte costituzionali».

Pare, ma bisogna annacce piano visti li millanta annunci e li millanta rinvii sur punto, che ’r governo se dà da fà a mette su la riforma sua de la giustizia. Come la vede?

«Nun c’è ancora manco mezza parola da facce conto, ma me pare che stamo a partì da li disegni de legge costituzionale su la separazione de le cariere. Co la riforma Cartabia, in pratica, nun se pò guasi più passà da ’na cariera a ’n’antra e è ciuca ’n ber po’ la percentuale de chi sceje de fallo. La parte che dà più marmatrone de ste proposte de legge costituzionale nun è questa, ma come fatte conto s’aridisegna er Csm, l’organo che sarva l’indipennenza de la magistratura, co l’aumento der numero de componenti de nomina politica, che diventeno la metà. C’è da dì che st’argomento se pò mette in un quadro più generale e che preoccupa de più».

Che quadro?

«Un quadro ’ndò li contropoteri che prevede la costituzione so’ sopportati sempre peggio. Penzo a la libertà de stampa, presempio. Penzo a l’abolizione de l’abuso d’ufficio, puramente. C’è ’n’insofferenza che nun se pò sentì verso li controlli e sto fatto rischia de nun fà riconosce più er sistema come democratico. C’è l’attacco a l’indipennenza de la magistratura che resta grave. Guardamo er premierato, che se porta appresso puro ’na riforma de la legge elettorale maggioritaria da mette drento direttamente ne la costituzione. Questo vòrdì che ’r numero de li voti che la costituzione fa abbastà pe nominà li componenti der Csm e de la corte costituzionale non potrebbero più garantì come se deve er pruralismo de li componenti de nomina politica, perché cianno penzato quanno che c’era ’na legge elettorale proporzionale. Er rischio serio è che s’ariva a ’na spece de propotenza de la maggioranza che c’è in quer momento, senza più li limiti: guarda ’n po’, propio quello che li costituenti, sortiti fora da l’esperienza der fascismo, nun volevano fà pe gnente».

Sto governo dice d’esse garantista. Però ’gni vorta che se parla d’ammenistia o de indurto rifiuta ’ste proposte guasi co ruganza.

«Drent’a le carceri nun se ne pò più, pe li suicidi e pe quanti ce proveno a ’mmazzasse, ma puro perché so’ posti indove è impossibile realizzà lo scopo costituzionale de la pena. Perciò vedo bene l’ammenistia e l’indurto. Nun arisorveno tutti li problemi e l’argomento der carcere s’ha da pijà de petto in maniera strutturale; se deve penzà a ’n modello ’ndò se paga pe quello che s’è fatto, non più “carcerocentrico”, ma semo innanzi a ’n’emergenza, a la necessità de garantì la dignità de la persona tramente che sta a scontà la pena».

Fenimo e aritornamo sur congresso de l’Anm. Com’è er rapporto de Magistratura democratica co l’Area democratica pe la giustizia?

«Direi che è ’n rapporto “risolto”, nun è ’n argomento da parlanne de prescia. Area arimane ’n gruppo che ciavemo ’na simpatia curturale e stamo assieme in parecchie battaje. Speramo poi che tutta la magistratura capischi la situazione che vivemo».

E lei penza che la magistratura se ne sta a capacità?

«So’ convinta che er corpo de la magistratura lo sa bene che sto momento è grave. Puro Magistratura indipendente nun potrà scappà da fà vede siccome la penza. Questo puramente si cor Csm spesso pare che se mettono assieme li laici dell’area de governo co maggioranze fatte p’evità che li magistrati che la penzeno diversamente possino annà a fà li dirigenti. Ma comunque penzo che puro Magistratura indipendente avrà prima o doppo da fà li conti co la base de li simpatizzanti, che sa bene cosa se stamo a scommette: la difesa de l’indipennenza de la magistratura nun cià a che fà co li magistrati, ma co li cittadini e li diritti loro. E ’r pruralismo puro drento la magistratura è sempre stato ’na ricchezza che ha fatto progredì la giurisdizione».

Mario Di Vito

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Nella foto: Silvia Albano

(tratto dal quotidiano il manifesto di domenica 5 maggio 2024)