Lettera a Nando

82
di La sora Peppa

Mo che parli der vecchio, sor cojone,
nun è che ciai beccato ’na tranvata?
T’abbasti de sapé che indò so’ nata
ce sta rispetto e bona educazzione.

A Nando, tu fai sempre lo spaccone
e sai largì la solita sbrasata
ovverosia la scena già provata
quann’eri l’«avvocato» der Mandrione.

Si fussi un po’ più bono e tollerante,
potressi chiude un occhio, nun ce piove,
ma de cazzate n’hai già fatte tante!

E allora statte manzo, damme retta,
sdraiete sur divano e nun te move;
vedrai tra poco quello che t’aspetta.