L’emigranti 1

35

– Si annamo a Filaderfia, frater caro,
pijamo quarche fregno americano,
lesto co la capoccia e co le mano,
e je inzegnamo l’arte der fornaro.

Così lavora lui, me pare chiaro,
che a fallo noi sarebbe troppo strano:
deveno da capì che un bon romano
nun va mica laggiù pe fà er somaro.

Ciaspetteno li dolleri a palate
e penzo d’agguantanne a sprofusione
in cammio de ciriole e de schiacciate.

Sippoi ce cricca d’ammucchià er mijone,
quanno ce so’ le feste commannate
mettemo in forno quarche panettone.