Le voci

41

Abbraccio co lo sguardo la marina:
l’ampia distesa giace liscia e piana;
la luna piena luccica lontana
e indora de riflessi la banchina.

Cammino su la spiaggia cennerina
e solitaria, indò regna sovrana
la voce der silenzio e l’eco arcana
de voci che me chiameno in sordina.

Un brivido me coje e una passione
me brucia dentro più d’una ferita
e me stracina in braccio a un’illusione:

perzo tra li fantasmi d’un passato
senza più tempo, cerco un po’ de vita
immezzo a ’sto deserto sconfinato.