La sora Peppa santarella

13
di Giggi de Tormarancio

Si nu’ l’avessi inteso co ’st’orecchia
io nun ce crederebbe de sicuro;
la santarella appiccicata ar muro!
Ma, dico, la matina nun se specchia?

Potrebbe arimedià quarche petecchia
e già farebbe zompi da canguro;
un spasimante nu’ me lo figuro
che facci er cascamorto co ’na vecchia.

Sora Peppì, che nun ve sii d’offesa,
ma co l’età che avete sur groppone
potete solo sbatte… er petto in chiesa.

V’è propio necessario un «filarino»?
È mejo che filate co un caprone
che metteve a filà co Masteghino.