Le du’ fate

55
di Peppe er Greve

Iside è la reggina de le fate,
co Peppa è un’accoppiata stravorgente:
sfralloppeno le palle a tanta gente
pe faje beve un mare de stronzate.

Io nu’ lo so chi se le sia guardate,
ma se le sia guardate attentamente…
È a Masteghino che, segretemente,
je fanno crede d’esse innammorate.

Co quelle nun se vince e nun s’impatta:
e lui nun sa er divario che ce core,
presempio, tra ’na scarpa e ’na ciavatta.

Me stanno su la panza tutt’e dua!
E appena torno è guera: un gradiatore
conzidera l’arena casa sua.