Le cinquecento lire d’argento

128
di Michelino

Alegri tutti quanti, ché ar momento
s’incomincia a riccoje er seminato!
Fra poco se vedrà e’ risanamento
che riguarda le casse de lo Stato.

A ottobre sortirà fora l’argento
che è stato fino a oggi sotterato
e er popolo, così, sarà contento
de maneggià un metallo assai preggiato.

La «cinquecento lire» spuzzolosa,
ch’era sortanto un pezzo de cartaccia,
ce l’avremo d’argento… È ’na gran cosa!

Ma zi’ Pietro però, che me la tira,
s’è messo a ride e poi m’ha detto in faccia:
– A penzà che ’na vorta era ’na lira!