L’ammantata

25
di Giggi Ghilardi

No no, fata mia bella. Un’emozzione
compagn’a ieri nun l’ho mai provata,
a vedette passà, cusì ammantata,
tra l’ammantate de la processione.

Che dorcezza de viso, che espressione
ciavevi, de madonna addolorata.
Passanno, me sfiorassi co’ un’occhiata;
io, tremanno, me missi in ginocchione.

Capischi? Io che so’ eretico addrittura
m’inginocchiai, in presenza a tanta gente,
pe’ te, pe’ te! Ma si te fa pavura

’st ’adorazzione piena de peccato,
tiè, pisteme accusì, come un serpente,
sotto a quer ber piedino immacolato…