Lacrime e speranze

17

Boris Johnson, ner tramente che commenta la formalizzazione de la Brexit, anticipa er discorso a la nazione der fatidico urtimo giorno der mese: stanotte nun ce sarà ‘na fine ma un inizio, un momento indove spunta l’arba e s’arza er sipario pe ‘n atto mai fatto prima; è tempo che er regno e ‘r popolo britannico aritorneno a stassene uniti per annà ortre. Li toni, si non propio trionfalistichi, so’ compiaciuti: guasi ‘n contrappunto a l’addio malinconico tirato fora co le lacrime e co l’abbraccichi da l’eurodeputati che ne l’aula de Strasburgo, in piedi e co le mani ne le mani, dopo ch’aveveno approvato in maggioranza l’accordo de l’uscita de la Gran Bretagna da l’Unione, aveveno cominciato a cantà le tristissime parole der varzer de le cannele. D’obbligo la ratifica der consijo europeo: er dindòn de mezzanotte sarà er momento indove ‘n se pò più tornà ‘ndietro. Resterà solo da trovà ‘n accordo pe le relazioni che hanno da venì: le discussioni, comannate pe l’Ue dar capoccia Michel Barnier, cominceranno a l’inizio de marzo e dovranno fenì prima der 31 dicembre.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Michel Barnier