La voce d’Argeri

84

Sabri Boukadoum, omologo argerino der ministro de l’esteri italiano Luigi Di Maio, prima de ’ncontrallo ha concesso a askanews ’n’intervista sur dossier libico, su la situazione de li migranti, su l’emergenza coronaviruse e su li rapporti bilaterali cor paese nostro. Su st’argomenti ha fatto dichiarazioni interessanti: nun esisteno soluzioni militari ar conflitto, la soluzione spetta pe primi a li dirigenti locali che hanno da rispettà la volontà der popolo e la legalità internazionale, ma prima ancora bigna fà finì ’na guera pe procura e s’ha da fà l’embargo su l’armi. Quanto a li rapporti reciproci le parole so’ rassicuranti: ciavemo ’na fase eccellente, so’ felice come ’na pasqua de la natura de le relazioni co Roma e spero che vadi avanti così. Er fatto è che le procedure der consijo de sicurezza de l’Onu cianno bisogno pe forza de l’accordo unanime, ma p’evità che er ruolo de le Nazioni Unite diventi de siconna posizione bigna decide la nomina der mediatore bloccata dar veto de l’Usa.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Sabri Boukadoum