La vedova inconzolabbile

39

Leonirde singhiozzava disperata
co l’anima strazziata dar dolore;
chiamava a più riprese Sarvatore,
cor tono de quann’era fidanzata.

– Amore mio, perché m’hai abbandonata?
Perché nun sei mai ito da un dottore?
Un vero Marcantonio, un lottatore,
morto pe un’infruenza trascurata!

Allora tanto vale che m’ammazzo:
senza Sarvuccio mio nun conto gnente
e questa vita mia nun vale un cazzo.

Ma che sarebbe mo ’st’affilatura?
Chiudete la finestra, c’è corente:
nu’ me vorebbe pià un’infreddatura!