La lucciola

26

Benanche sia de taja traccagnotta
e me ritenghi arquanto bruttarella,
grazzie a l’aiuto de la bona stella
lavoro e m’assicuro la pagnotta:

da la matina, inzino a quanno annotta,
campo come pò vive ’na zitella;
ma poi, cor buio, io nun so’ più quella:
sorto de casa e faccio la mignotta.

Finora è annata bene, ciò sguazzato;
ma da un ber pezzo rumino er sospetto
che puro er sesso ce verà tassato.

Siccome che nun pratico pe vizzio,
dovesse arivà in porto quer proggetto,
serro le cianche e chiudo l’esercizzio.