Quer che serve a Martufoni

12
di Giggi de Tormarancio

A Martufò, che cavolo t’ha preso?
Ciai forze un’estinzione de cervello,
che prima era più ciuco d’un pisello
e, in pratica, piuttosto sottopeso?

Quello che hai braterato io l’ho inteso:
fregnacce che te carzeno a pennello!
Da’ retta: lassa perde ’sto sfraggello,
ché ne la vita quanto fai t’è reso.

A parte che ce l’hai cor monno sano,
comunquesia te meriti ’na sleppa
de quelle bone, date co la mano.

Un cazzottone nun sarebbe male;
eppoi, da quanno che freguenti Peppa,
intigni a falla for da l’orinale.