La fuga 2

40

Te stavo a dì de ’st’isola: è un incanto,
un paradiso. Scusa l’espressione,
ma più ce sto, più ciò la convinzione
che ho fatto bene a fà tutto der santo.

Sapessi quant’è bono er cocco sfranto
co un paro d’aragoste a colazzione;
e scampi e mazzancolle a sprofusione;
eppoi ’na cosa che me piace tanto.

Er sesso qui è diverzo: qui è ’na festa.
Ciò sette moje de vent’anni; ar giorno
co te ciavevo solo er mar de testa.

So’ premurose: ce l’ho sempre attorno,
pronte a passamme quarsisia richiesta.
Eh, moje mia, cor cazzo che ritorno!