La fuga 1

20

Conzorte stimatissima e adorata,
te scrivo, sarvognuno ’sto bijetto
perché devi sapé che da un annetto
so’ er principe d’un’isola affatata.

Tu penzerai che ho fatto ’na cazzata
a scomparì così, come un folletto;
invece è stato un segno de rispetto
verzo de te, perché t’ho sempre amata.

Siccome ho vinto ar superenalotto
’na cifra longa co parecchi zeri,
hai visto mai che tu facessi er «botto»?

Datosi quer po’ po’ de «dindarolo»,
è pe scanzatte un frego de penzieri
che so’ venuto qui a soffrì da solo.