La forza de la legge

39

Riguardo a le discusioni che oggi certuni proveno a fà perché se credeno li mejo esperti ne le quistioni e ne l’argomenti militari, vojo solo insiste a dì che er generale de l’esercito Roberto Vannacci nun è stato né promosso né retrocesso: l’ha detto er ministro de la difesa Guido Crosetto. Lo stato maggiore de l’esercito italiano, spiega Crosetto, ha deciso de daje uno de li posti che je sconfinferaveno pe grado, esperienza e diritto, ner tramente che er procedimento disciplinare fa er corso suo. Le pezze d’appoggio de la costituzione pe le persone so’ bone puro pe li sordati e gnisuno pò giudicà come je viè, senza considerà si le norme e le procedure so’ bone a sarvà ’no stato de diritto che, drent’a ’na democrazia, riguarda tutti.  In de sti mesi, ricorda er ministro, s’è fatta l’inchiesta sommaria e li risurtati so’ ancora da valutasse. Ner tramente, pe nun daje incarichi pe commannà o pe fasse vede de fora, ar generale Vannacci je fanno fà da staff drent’a ’na congrega ’ndò se vede che comanneno, adatta all’esperienza sua. In pratica, er generale Vannacci nun è stato nominato, come scrive quarche tivvù e organo de stampa, capoccia de le forze de tera, ma capo de stato maggiore der comanno de le forze de tera. Sto comanno cià già ’n capoccia suo, er generale Camporeale, e un vice comannante, er generale Ristuccia, che comanna le forze operative. Er generale Vannacci ubbidirà comunque ar generale Ristuccia. La concrusione: dateme retta, nun fate discusioni strumentali che s’appoggeno su poca robba e aspettate bòni bòni, perché come sempre, la legge fa er corso suo.

Massimo Moraldi

Ne la foto: Roberto Vannacci