La donna a Berlino

63

Fucsia è er colore scerto pe la giornata internazionale de la donna che a Roma sarà celebrata a piazza de Spagna co ’n filo che segnerà la distanza de ’n metro tra ’na persona e l’antra, ma pure co l’esposizione de cianfrusaje appese a la finestra o ar barcone, tutte cor tratto comune de l’istessa intonazione cromatica. Siccome nun se pònno organizzà cortei, feste e roba varia, se farà armanco un sit-in in de la storica scalinata su l’argomento der lavoro femminile; se vò dà ’n simbolo a tutto quello che fa vive le donne: la cura tra l’una e l’antra, l’alleanze de le diferenze, la lotta de ’gni giorno che ha fatto Iddio a la solitudine, a la violenza patriarcale, a lo sfruttamento. Stavorta la ricorenza casca de domenica, ma dall’anno passato è festa autonoma a Berlino grazie a l’iniziativa de la sociardemocratica Iris Spranger, che aveva beccato er consenso de li verdi e de ventottomila persone che ereno d’accordo sur valore simbolico de l’otto marzo pe fà onore ar posto de le donne drento la società.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: primo piano pe l’otto marzo