La Crusca tra sacro e profano

42

Consultazioni in tempi brevi per il presidente del senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, che dovrebbe riferirne gli esiti al Quirinale in settimana. Intanto il parlamento in seduta comune si è riunito per eleggere un giudice della corte costituzionale e due componenti laici del consiglio superiore della magistratura; bisognerà però votare di nuovo perché nessun candidato ha raggiunto la maggioranza dei due terzi. La lingua italiana è stata posta al centro dell’attenzione dall’accademia della Crusca che lamenta l’eccessivo uso di parole inglesi e se la prende in particolare con il ministro dell’istruzione le cui performance lessicali sono note da tempo. Intanto si affacciano i dialetti e la parte del leone la fa il sardo: se era stato facile usarlo per gli scontrini fiscali, non altrettanto agevole è introdurlo nella liturgia sacra. Spetterà alla santa sede pronunciarsi riguardo alla preghiera eucaristica, ma il percorso è tracciato, anche se per ora i fedeli isolani dovranno accontentarsi di qualche aggiunta in sardo tra riti iniziali, canti e letture. A novantadue anni è morta Barbara Bush, che ha voluto trascorrere in casa gli ultimi momenti della sua vita: l’ex first lady è stata elogiata per avere condotto una esistenza onesta, vibrante e piena. La diplomazia americana è impegnata ad affrontare la questione coreana: si apprende che il probabile nuovo segretario di stato Mike Pompeo ha incontrato nel weekend pasquale Kim Jong-un per favorire colloqui diretti a giugno con il presidente Trump sul tema della denuclearizzazione. Sarà una donna, l’attrice australiana Cate Blanchett, a presiedere la giuria del festival di Cannes.

Lillo S. Bruccoleri