Italiani generosi

167

Pasqua è er risvejo de la primavera, spece ne li paesi nordichi, e mette assieme un po’ dapertutto le tradizioni cristiane co quelle pagane. Ne li Paesi Bassi se usa appiccà ’na corona decorata a la porta de casa, ma l’ova colorate s’annisconneno in giardino pe la caccia de li regazzini, ner tramente che l’abitazioni so’ decorate drento co fiori gialli. Ma st’anno da l’Olanda so’ venute le resistenze più forti a ’n piano europeo co benefici economichi più evidenti pe li paesi più deboli come er nostro. Eppuro ne la circostanza lontana de l’alluvione der cinquantatre propio qui ce fu ’na prova concreta de solidarietà, benanco se seguitasse a risentì de l’effetti devastanti de ’na guera fenita appena otto anni prima: ducento mijoni de vecchie lire, più de tre de l’euro de mo, furono arigalati a la Croce rossa p’arifornì la popolazione de vestiti, coperte, marmellata e frutta. Italiani generosi (Gullen italianen), scrivorno allora; ma oggi è solo un ricordo lontano.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: un canale de Amsterdam