Innocenti ar gabbio

48

Fonti diplomatiche europee fanno sapé che li ministri de l’esteri, che vonno annà ortre la prudenza iniziale de Spagna, Francia e Italia, hanno trovato ’n accordo politico pe sanzionà severamente li responsabili in Bielorussia de imbroji elettorali e violenze contro li manifestanti; l’adozione formale richiederà quarche settimana perché bigna fà prima un lavoro tecnico. Da l’esilio in Lituania la cannidatad’opposizione Svetlana Tikhanovskaya aveva chiesto a l’Unione de medià p’oprì ’n dialogo co l’autorità, ma ne l’attesa s’era mossa da sola: co sta situazione che ce sta drent’ar paese e co la necessità de pijà misure urgenti p’aripristinà lo stato de diritto, sto a mette in moto l’istituzione de ’n consijo de coordinamento pe garantì la transizione der potere. La piazza è co lei: catene umane de protesta se formano a Minsk, ner tramente ch’er ministro de l’interno Yury Karayev è costretto a scusasse p’avé messo ar gabbio mijara de cittadini innocenti.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: proteste bielorusse