Hostaria

136
RUGANTINO n. 12849 del 10 agosto 2010
di Mauro Marè

Mo a Roma dapertutto l’osteria
la chiameno «hostaria», co’ tanto d’acca.
Mo puro l’osti metteno la cacca
sott’ar naso, hanno arzato l’arbaggia.

Ogni bucetto adesso a Roma mia,
quarsiasi bujaccaro mezza tacca:
«Hostaria». ’N accidente che te spacca!
Ma parla come magni, anima mia!

È diventata tutta ’na Babbelle;
puro er parlà nun è più cristallino
come viè l’acqua da le funtanelle.

Si vai a la frasca a bevete un quartino,
manco lì drento, caro sor Micchelle,
se dice pane ar pane e vino ar vino!