Giojelleria

67
di Cittadino Moscucci

Mica se tratta qui de’li giojelli
che l’orefice mostra a’le persone:
questi so’ più sciccosi, assai più belli,
che pe’ sprennore nun c’è paragone.

Li vedi sempre pe’ li cantoncelli
dentro le vasche e pare ’na visione;
e lì si tu provassi a riccojelli
nun sentiressi mai strillà er padrone.

E so’ brillanti grossi come ceci,
so’ topazzi, smeraldi e so’ rubbini,
perle, coralli, agate e turchesi!

E tutta ’sta ricchezza, ’sto tesoro
lo danno er sole e l’acqua da vicini
quanno che s’accarezzeno tra loro.