Gesti distensivi

87

La giovane israeliana Naama Issachar ha ricevuto la grazia da Vladimir Putin in segno de rispetto pe l’appello der premier israeliano Benjamin Netanyahu, ch’è ito a Mosca pe discute l’accordo der secolo messo su co Donald Trump p’arisorve la guera co li palestinesi; er decreto che je corisponne, che vale dar giorno de la firma, è motivato co ‘n richiamo a li principi umanitari. La ventiseienne Issachar a l’inizio d’aprile era stata sorpresa de passaggio ne l’aeroporto Sheremetyevo co nove grammi d’erba e dopo condannata a sett’anni e mezzo de galera. Dopo l’accordo favorito da Trump, er volemose bene è ‘n antro rigalo elettorale pe Netanyahu, che pe la terza vorta in meno de un anno affronterà tra ‘na mesata l’elezioni e se la dovrà vede co Benny Gantz, er capocccia de Blu-Bianco che inzin’a m’ s’è opposto a ‘n governo d’unità nazionale. D’elezioni se parla pure da noi, ma per ora solo ne li contesti regionali.

 Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Naama Issachar