Famme capì mejo

26
di Iside Martufoni

Tufello mio, er discorzo l’ho capito
e ho fatto come tu m’hai conzijato;
così che doppo avello assai cercato,
posso avantà ’no straccio de marito.

Sarebbe puro er tipo più indicato,
o quello che se dice un bon partito;
sortanto che j’amanca un riquisito:
a letto m’arimane senza fiato.

Io tiro a incoraggiallo in ogni modo,
me metto un bebbidolle da mignotta,
ma in quanto ar sesso nun se batte un chiodo.

Nu’ me potressi fà ’na cortesia?
Vojo capì deppiù; quanno che annotta,
faresti ’na scappata a casa mia?