Evviva la diverzità

28

Che un omo sii, appett’a un antro, uguale
è solo ’na fregnaccia bella e bona;
e, puro si er discorzo nun te sona,
è questa, sarvognuno, la morale:

er monno, caro Ignazzio, è fatto a scale,
indò sta in arto er fregno che spadrona
e indò sta in basso chi s’appecorona
e conta poco più d’un orinale.

Così c’è chi j’amanca er necessario
e chi se leva er gusto de scialà
perché j’è acconzentito quarsia svario.

Inzomma sai qual è la verità?
Solo la morte sfratta ogni divario;
e allora evviva la diverzità!