Er virus de la cariera

356

Giovanni Zaccaro, giudice a la corte d’appello de Roma e segretario de Area democratica per la giustizia, er congresso de l’Anm principierà venerdì a Palermo, propio tramente che ’r governo pare che vò fà partì la riforma de la giustizia come je pare a lui. Come la vede?

«In Italia ciabbisogna ’na giustizia che difenne davero e senza perde tempo li diritti, spece quelli de li cittadini messi peggio, che nun ponno pagasse li mejo avvocati. Er governo Meloni-Nordio ar posto de spenne pe ’na giustizia che funziona mejo ha deciso de dasse da fà pe separà le cariere. Ma nun serve a gnente. È ’na riforma de bandiera, fatte conto ’no straccio colorato co l’ideologia de ’na parte che conta puramente de meno drent’a l’avvocatura: quarche cosa che s’ha da pagà a le battaje ch’ha fatto Berlusconi. Arisurteno sacrificati li diritti de li cittadini che nun s’aritroveranno nimmanco le risorse pe pagasse l’avvocati come Dio commanna ne li ministeri pubbrici, che nun se batteranno più pe la giustizia ma pe la condanna, vada come vada».

Er titolo der congresso è «Magistratura e legge tra imparzialità e interpretazione». Er presidente de l’Anm Santalucia, tramente che lo presentava, ha tirato fora er caso de la giudice Iolanda Apostolico, messa sotto da la destra co l’accusa ch’aveva partecipato a ’na manifestazione innanz’a la nave Diciotti a Catania. Come fa er magistrato a fà vede che nu’ sta né co l’una né co l’antra parte?

«Parecchi dicheno che li magistrati hanno da esse sopra le parti, ma speciarmente devono sembracce. Nun vorebbe che d’ora in poi s’accontentamo solo de l’apparenza de imparzialità senza difenne l’imparzialità com’ha da esse, cioè de giudici che decideno senza dà retta né a li pregiudizi personali, né a le spintarelle che vengheno da fora. Co st’ambaradà de campagne de sputtanamento arischiamo d’aritrovasse ’na magistratura vista imparziale solo che da fora, tramente che in sordoni cià strizza de scontentà li potenti de turno. Invece oggi, co le forti maggioranze parlamentari  che s’aritroveno grazie ar numero de li voti, ancora de più s’ha da difenne l’autonomia che in sostanza cià da avé la magistratura, che deve da difenne li diritti de tutti, puro de li poracci, e cià puro da pijà decisioni contrarie a quello che vonno le maggioranze de turno».

Se pò dì che la campagna a daje addosso che ha sbatacchiato l’Apostolico fa vede  fatte conto ’na mezza spece de fastidio de le forze politiche de maggioranza verso la magistratura?

«E chi ce sta che nun penza che, ortre che in Italia, stanno a dà addosso a la stampa libbera, a li capoccioni critici e comunque a l’istituzioni de garanzia, spece a la magistratura? Se tratta de ’na mania appiccicata addosso ar populismo indove chi comanna vole pe forza esse identificato co li cittadini. Tramente che drent’a le democrazie liberali, quanto più forti so’ le maggioranze, tanto più potenti hanno da esse li sistemi che nu’ le fanno allargà e che le controlleno. In Italia, invece, se vorebbe ’na spece de dittatura de la maggioranza, indove er consenso der popolo permette de passà sopra a le regole e a le garanzie».

Er governo, e più in generale la destra, se spreca a addoprà la parola «garantista». Ma li provedimenti ch’ha preso pare che vonno cioccà de brutto li poracci, tramente che pe li ricchi è come si ce fusse fatte conto ’na tutela: penzamo, presempio, a l’abolizione de l’abuso d’ufficio. A partì da questo, ve ponno sconfifferà misure d’ammenistia e de ’ndurto?

«Una de le peggio conseguenze de l’epoca de Berlusconi è avé fatto man bassa de la parola garantista. Da che era la battaja pe difenne li diritti de li cittadini più deboli è diventata la scusa pe lassà impuniti li colletti bianchi. Er fottio de gente ar gabbio è ’na vergogna nazionale, nun permette er trattamento de ’gni detenuto preso uno pe vorta e manco la tutela de la salute, e così s’ammolla ’n antro schiaffo a la pena. Li suicidi, le rivorte e le propotenze so’ solo quello che se vede. Ce vò tempo pe costruì carceri più moderne; invece serve dasse subito da fà pe diminuì er nmmero de li carcerati in modo da fà avé un minimo de umanità a la galera. Lo sapete che ’n botto de gente sta ar gabbio pe reati legati a la droga? Basterebbe legalizzà la robbetta leggera pe diminuì li carcerati e li giudici se potrebbero occupà finarmente de li processi seri come quelli de coruzione o d’evasione fiscale e speciarmente le mafie perderebbero er modo de fà li sordi».

Magistratura democratica dice che li rapporti sua co Area so’ «risolti» e che comunque ciavete a che vede puro tra de voi. Quale sarà er rapporto tra Area e Md drent’a sto congresso?

«Mo nun è er momento de l’inciafruji nostri. Tutti li magistrati italiani hanno da esse come uno solo pe dimostrà assieme che esiste er pericolo de le riforme ch’hanno annunciato, ch’arischieno d’aruvinà l’equilibrio fra li poteri de lo stato e de toje forza a l’istituzioni de garanzia».

La presidente de Md Silvia Albano ha detto ar Manifesto che Magistratura indipendente pare che in via pregiudiziale vò fà in modo che li magistrati de ’n orientamento curturale creduto nun allineato nun ponno arivà a occupà incarichi dirigenziali. Che ne penzate?

«Me dispiace pe sta mania de le nomine. Pe noi de Area l’argomento va messo ar posto suo. Dovemo d’abbassà er peso de li dirigenti giudiziari e spigne pe modelli de gestione boni pe tutti l’uffici. Propio in de sta direzione Area ha organizzato seminari e ha buttato giù un documento che cià drento parecchie proposte pe mannà avanti ’n’organizzazione orizzontale e no verticale de li tribunali in modo da levà forza a la figura der dirigente e a la caccia der posto direttivo. Dovemo da fà fori er viruse de la cariera che s’è attaccato a li magistrati italiani, che pe la costituzione hanno da esse tutti uguali senza tené conto de quello che fanno. Cusì ’gni corente de li magistrati aritornerebbe a fà la politica der diritto ar posto d’occupasse de le nomine. Er Csm ha da esse ’n attore de la politica su la giustizia tramente che sta a diventà ’na frabbica de nomine. Me dispiace ch’er vice presidente Pinelli, sempre parecchio fino, stavorta non cià preso. Nun se capacita che si s’esprime cor voto su le nomine nun fa antro che dà forza a sta quistione. Tramente che dovrebbe occupasse de più de li pareri su le leggi de riforma o de le norme che garantischeno l’indipennenza interna de li magistrati o de quelle che valuteno l’efficenza e la qualità der lavoro de ciaschiduno e de l’uffici».

Mario Di Vito

(traduzione di Massimo Moraldi)

(tratto dal quotidiano il manifesto di martedì 7 maggio 2024)

 Nel a foto: Giovanni Zaccaro