Er teatrino

148
di Fernando Loreto

Quanno la «tela» variopinta e bella
viè ritirata come da ’na molla,
s’affaccia a la ribbarta Purcinella.

E dopo varie mosse e buffonate
cor compare ce nasce poi la lite
che se conclude co’ le tortorate.

Li regazzini batteno le mano
tutti ammucchiati intorno ar teatrino;
c’è chi gode la scena da lontano.

Sordati, fidanzati, donne anziane…
Er Pincio è ’na platea senza confine
co’ l’accompagnamento de campane.

L’allegria der teatrino è già finita
e mentre che la «tela» viè calata
rimane l’amarezza de la vita!