Er sonetto in dialetto

36
di Natale Vanni

Se dice nell’ambiente curturale
che sto modo de scrive è sorpassato,
che er verso a unnìci sillabbe e rimato
oggi è solo stucchevole e banale.

Sopra un tema così fonnamentale
lo confesso che nun so’ preparato
e poi, se sa, so’ troppo interessato;
quindi, ar dunque, er parere mio nun vale.

Ma vorrei dije ar critico o ar poeta,
che si me legge storce bocca e naso
pe via che scrivo caso co du’ zeta,

ch’io nu’ scrivo pe loro ma pe quanti
a sti puntij nun ce fanno caso
perché probblemi già ce n’hanno tanti.