Er rinvio eterno

11

La sortita britannica senza l’accordo nun pare più ineluttabile, nimmanco si s’arivasse a la data fissata p’er consijo europeo de sti giorni. Da Londra parteno segnali de carma co la ritrattazione dell’urtimatum der primo ministro Boris Johnson: questa nun è l’occasione pe rennese conto che nun c’è l’accordo, ma piuttosto pe parlà ancora; solo dopo li colloqui co l’antri capoccia sarà presa ’na decisione. Ner tramente che li du’ negoziatori, Michel Barnier pe la Ue e David Frost p’er Regno Unito, incoraggeno er proseguimento der dialogo, la cancelliera tedesca Angela Merkel interpreta er sentimento comune e sostiè che ’n’intesa commerciale co la Gran Bretagna è ne l’interesse de tutti. Viè cusì isolata la posizione più rigida der presidente francese Emmanuel Macron, impegnato ner discorso a la nazione pe la gestione de la crisi pandemica; ma er ministro suo de l’esteri Jean-Yves Le Drian butta giù ’na linea morbida e propone intanto da spostà la scadenza a metà novembre.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Jean-Yves Le Drian