Er quadro

53
di Lorenzo D’Agostini

Ieri so’ stato a fà certi ritocchi
a quel’infissi, a casa de tu’ zia;
defatti l’ho assestati co’ li fiocchi:
adesso vanno ch’è ’na meravìa.

E siccome nun vorsi li bajocchi
lei prese un fiasco e scese a l’osteria;
e mentre che aspettavo, azzecca: ’st ’occhi
se posorno su te in fotografia.

E credi a me: ner rimirà quer quadro,
quer viso bello tutto soridente,
so’ stato guasi pe’ diventà ladro.

L’ho stretto fra le mano e l’ho posato;
ma prima, prima co’ passione ardente,
si sapessi li baci che j’ho dato!