Er monumento a la bellezza

76
di Federica Binti Kemah

Simile a ’na cintura che cià intorno
e che j’ha regalato la natura,
’sta campagna romana
se strigne Roma come ’na cratura.
Immenso mare verde, senza uguali,
de boschi, de vigneti e campi arati,
è ’na visione unica e me piace
in quantoché riesce a damme pace.
E sto così tranquilla da scordà
le sofferenze che la vita dà;
e quanno le procura
se scopre solo allora quant’è dura.
E tu, campagna mia, che ciai ’sti fiori
che sfumeno la tera de colori;
e tu che ciai ’sto fascino intrigante
che te fa esse tanto affascinante,
tu sei un monumento a la bellezza!
E mentre er ponentino t’accarezza,
e sfiora appena er piano sconfinato
me sento stelo d’erba d’ogni prato.