Er gradiatore vero

87
di Bortolo Masteghin

Egreggio Tormarancio, so’ sincero
e me rivorgo a te da bon cristiano.
Sibbè, come saprai, nun so’ romano,
ciò er vanto d’esse un gradiatore vero.

De mente pronta e còre battajero,
perché s’addice a un barbero padano,
combatto co la penna e, appiano appiano,
nun so’ più io si nun te faccio nero.

Te piace de menà? ’Mbè, so’ contento,
così quanno te do quer che te spetta
pòi ringrazzià er piacere che ciai drento.

E, in caso nun bastasse tanta furia
der sottoscritto, ho in serbo ’na grazzietta
da sballo: te scateno la centuria.