Quel’occhi

51
di Aristide Ercoli

Anima bella, rosa ricamata
sopra ’na tela d’oro sopraffina,
come te posso dì che sei carina
si nun m’abbasta manco er nome «fata»?

Sotto la fronte bianca e scorniciata
da ’n ammasso de seta fina fina
tu ciai ’na rarità propio divina:
ciai l’occhi de madonna immacolata.

Du’ occhi rilucenti com’er sole,
pieni de vita e pieni de dorcezza,
che parleno e nu’ spiegheno parole.

Occhi affatati! Si v’avessi qui,
fra un bacio appassionato e ’na carezza,
vorebbe campà un’ora e poi morì!