Er fongarolo

28

Armato de rastrello e de scarponi,
se fece avanti e addietro l’Appennino
p’arimedià ’no straccio de porcino
e p’azzittà l’amichi criticoni.

Agnede a sbatte in tutti li cantoni,
passò Livata e setacciò Guarcino;
finché, tignoso come un certosino,
trovò li fonghi: du’ canestri boni.

Ma appena vorze ritornà ar campeggio
girò tre giorni attorno a la fongara
senza azzeccà la strada e, quer ch’è peggio,

pe soddisfà lo sfizzio der palato,
sfruttanno l’occasione più che rara,
momenti ce schiattava… avvelenato!