Er fascino de la seduzzione

68

La staggione de lirica de la LA Opera è principiata co li botti, grazie a la rappresentazione come Dio commanna der Don Giovanni de Mozart, un’opera der 1787 nata da la collabborazzione tra er genio der Tirolo e ’n libbrettista co l’attribbuti, er poeta de casa nostra Lorenzo Da Ponte.

Sur parco inzino ar 15 ottobbre, l’opera, co ’n allestimento novo novo der reggista danese Kasper Holten – che ha puro diretto p’er cinematografo l’adattamento a firme (Juan, 2010) – e la direzzione de l’orchestra der più vorte premiato direttore James Conlon, mette su la scena er fatto traggico che sprofonna all’inferno er seduttore seriale cor nome uguale.

Lorenzo Da Ponte – poeta e libbrettista amico der famoso Giacomo Casanova e puro lui casanova co li controfiocchi – ce rimesse su le mano pe Mozart e l’atto unico de Giovanni Bertati Don Giovanni Tenorio addiventò de du’ atti.

Ner tramente che s’opre er sipario accompagnato da le note sfigate de re minore – tonalità compagna de la morte e doppo aripresa da Mozart ner Requiem che nun fenì, so’ proiettate su la scena le mijara de nomi de le donne inciafrujate dar Don spagnolo.

In de‘’sto dramma giocoso – ’ndo’ s’ammischieno l’opera seria e l’opera buffa – doppo che Don Giovanni ha fatto secco er Commennatore, padre dell’urtima «pollastrella» sua, Donna Anna, vedemo come piano piano casca er protagonista, che ha superato un limite da ’ndo’ nun s’aritorna e pe questo lo pijerà ’na punizione divina.

L’opera s’appoggia sopra du’ linee drammatiche a angolo retto: quella orizzontale, che sarebbe la battaja tra li sessi, e quella verticale de la lotta tra l’aristocrazzia, la borghesia che sta a sortì fora e li contadini. In fin de conti, Mozart e Da Ponte, puro loro servi de la nobbirtà e cusì in bilico tra più classi, cianno avuto un punto d’osservazzione speciale de la lotta de classe che, se sa, nun fenisce mai.

L’artisti so’ er mejo de l’interpreti locali e internazionali, mischiati propio a mestiere:

Lucas Meachem, baritono che ha vinto er premio Grammy, viè da la Carolina der Nord e arigala carisma all’antieroe narcisista co l’istesso nome, su la scena lavora assieme a Craig Colclough, basso-baritono californiano che fa er comico ne la parte der servitore Leporello.

La fichissima soprano cinese Guanqun Yu fa la parte de la nobbile Donna Anna; la parte de l’innamorato Don Ottavio la fa er californiano Anthony León; la parte importante der Commennatore la fa er basso cinese Peixin Chen.

La soprano cinese Meigui Zhang, ar debbutto, fa la parte de la contadina Zerlinal; er californiano basso-baritono Alan Williams fa la parte der marito Masetto.

Fenisce ’sta congrega d’artisti la mezzo-soprano Isabel Leonard de Nova Yorche, che fa la parte de la sedotta e abbandonata Donna Elvira.

A la fine tocca dì du’ parole su l’allestimento scenografico, diretto da la britannica Es Devlin, che conta su le proiezioni e su l’ologrammi pe dà ’na smossa de più a l’architettura scenica che gira su se stessa, indove s’aricconta la storia.

Valerio Viale

(Traduzione de Massimo Moraldi)

Ne la foto: Guanqun Yu ne la parte de Donna Anna