Er facchino de via Lata

14
RUGANTINO n. 12970 del 04 dicembre 2012

di Augusto Bellini

So’ già quattrocent’anni che la mano
de ’no scurtore ignoto m’ha creato
cor quartarolo in braccio, destinato
a facce beve er popolo romano.

Da vivo io ciavevo un nome strano:
Abbondio Rizio; e nun ho mai penzato
che puro doppo morto avrei parlato
co la voce d’un vero popolano.

Una voce ch’è pronta a smascherà
li soprusi che fanno li marpioni
quanno che so’ arivati a comannà.

Una voce che pizzica e fa male,
che bolla mezze tacche e capoccioni,
mignatte de sto povero stivale.