Er facchino de via Lata

53
di Augusto Bellini

So’ già quattrocent’anni che la mano
de ’no scurtore ignoto m’ha creato
cor quartarolo in braccio, destinato
a facce beve er popolo romano.

Da vivo io ciavevo un nome strano:
Abbondio Rizio; e nun ho mai penzato
che puro doppo morto avrei parlato
co la voce d’un vero popolano.

Una voce ch’è pronta a smascherà
li soprusi che fanno li marpioni
quanno che so’ arivati a comannà.

Una voce che pizzica e fa male,
che bolla mezze tacche e capoccioni,
mignatte de sto povero stivale.