Du’ continenti

46

Aritorna la manfrina de le prospettive differenziate a la fine de ’n ragionamento articolato der presidente de l’europarlamento David Sassoli: nun esisteno paesi cor braccino corto e antri de manica larga, ma paesi che sanno de le sfide e paesi che nun ne sanno gnente; pe questo chiedo a tutti d’esse a l’artezza der momento storico. Appresso un richiamo queli che nun ce vonno stà: tutti s’avvantaggeno de li benefici der mercato europeo e puro li paesi che hanno sollevato obiezioni ne so’ tra li destinatari principali. Pe finì ’n ammonimento e ’na stoccata: nun è er tempo de la rigidità ma de la ricostruzione, artrimenti saremo costretti a ’n’Europa a velocità diverse. Da ’n continente all’antro: ner Burundi la consurtazione popolare stabilisce la vittoria scontata der partito de governo ner parlamento, ne li consiji comunali e ne la successione ar vertice, indove a Pierre Nkurunziza subentra  Evariste Ndayishimiye; battuta l’opposizione de Agathon Rwasa, che denuncia aresti arbitrari ne le diverse fasi der voto.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Evariste Ndayishimiye