Destino

57
di Enrico Ascarelli

Si invece de pijà p’er Babbuino
facevo er Corso oppuro via Ripetta,
forse nun rivedevo più Ninetta:
ce fu propio la mano der destino.

Diventò rossa e cor fazzolettino
s’asciuttò la più bella lagrimetta;
pijò la mano mia, la tenne stretta
e s’accostava sempre più vicino.

Je dico: – Viè un momento a casa mia,
nun te vojo fa gnente, sta’ tranquilla. –
Bona bona, rispose: – E così sia. –

Povera Nina, mica s’era offesa:
ciaveva er core drento la pupilla
e, invece d’annà a casa, annamo in chiesa.