Davanti a un bòn caffè

59
di Anselmo D’Andrea

Davanti a un bòn caffè c’è chi se frena
e s’accontenta solo s’è annacquato;
a dì la verità me fa un po’ pena
ma ’n semo tutti uguali e spreco er fiato.

S’aggusta a colazzione, a pranzo e a cena,
è bòno fresco e mai ariscallato;
c’è chi ce se farebbe n’endovena,
er profumo, che sturba, è delicato.

Lungo, ristretto, macchiato, coretto,
co lo schizzo, a la turca, marocchino,
ar vetro, co la panna, è un minuetto.

Ar bar ’sta tiritera vò esperienza
e tutte le matine è un teatrino.
Pòri baristi, cianno ’na pazzienza!