Dar confessore

23
di Pietro Nanu

– Padre, ho peccato. – Quante vorte è stato?
– Tutti li lunedì: so’ parucchiera,
chiudo er negozio e opro la cerniera.
Capisce quer che intenno, sor curato?

– Certo, ma nun pòi fà ’sta tiritera
e annà avanti così co’ ’sto peccato;
lassa l’amante e er male è riparato:
ciabbasta er pentimento e ’na preghiera.

– Io prego, padre, ma nun ho capito
se a mi’ marito je lo devo dì
che so’ stata leggera e l’ho tradito.

– Per adesso t’assorvo e così sia.
Comunque, se ripassi lunedì,
ne riparlamo mejo in sacrestia.