A le du’ befane

39
di Nando der Tufello

Certo che quer messaggio inconzistente,
sficato in dua me pare ’na vergogna;
ma state certe: si cercate rogna,
ce sta chi ve la gratta prontamente.

Si fussivo perzone inteliggente
dovressivo capì che nun bisogna
esse tignose e caccià fora l’ogna
ammalappena nun ve serve a gnente.

Quale so’ le raggione? Sempre quelle:
sforzavve d’esse brave è tempo perzo,
percui nun serve a un par de mosciarelle

come che sete voi. Dateme retta:
a voi pe scrive un verzo che sii un verzo
nun basteno vent’anni de gavetta.