Cronache scolastiche 1: lo studente

12

S’è appena chiuso l’anno e già me sento
annamme sottosopra le budella;
quanno ce penzo ciò la sudarella
e me vorebbe ritirà in convento.

Nun ho studiato un cazzo e me ne pento
e intanto me perseguita la jella..
Ma invece de la solita storiella
ciò pronta ’na fregnaccia de talento:

cor professore de filosofia
nu’ me ce pijo e quella de latino
pe me nun cià nisuna simpatia.

Su l’italiano è mejo nun fiatà;
però, si nu’ scavallo ’sto casino,
mi’ padre me spidisce a lavorà.