Chi nun more s’arivede

96

Kim Jong-un s’arifà vede in pubbrico dopo tre settimane d’assenza: in compagnia de la sorella, consijera e designata erede Kim Yo-jong inaugura ’na fabbrica de fertilizzanti ner giorno de la festa de li lavoratori: propio ar politburo der partito intestato a loro c’era stata l’urtima comparsata der capoccia. Era l’11 aprile e da allora se so’ infittite le voci su lo stato de salute suo, mai confermate ufficiarmente; le stesse fonti der sud faceveno girà notizie rassicuranti: Moon Chung-in, consijere speciale su la sicurezza nazionale der presidente Moon Jae-in, dichiarava a l’americane Cnn e Fox news che er leader der nord era vivo e stava bene. A la Casa Bianca Donad Trump, che in un primo tempo pareva preoccupato, ha coretto er tiro: ciò ’n’idea in proposito, nun posso parlanne ma è probabile che lo farò in un futuro prossimo. Durante l’istessa conferenza stampa cià tenuto a sottolineà la bona relazione personale sua cor nipote der presidente eterno Kim Il-sung.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Kim Jong-un