Chi cià più prudenza l’addopri

37
di Peppe er Greve

Si penzi d’avé dato a la curtura
’na prova de profonna conoscenza,
da’ retta a me: hai scritto ’na scemenza
e hai fatto ’na bruttissima figura.

Pe conto mio, perfino ’na cratura
avrebbe dimostrato più prudenza:
trascegne in un accesso de violenza
in quarche caso è un segno de pavura.

La carma è sempre la virtù der forte,
de chi nu’ je se smove un pidicello
nimmanco ar faccia a faccia co la morte.

Si a te te rode er sangue in ne le vene,
frena l’ardore: spesso è assai più bello
fà male co ’na frase detta bene.