La loggica der padron de casa

20
di Giuseppe Baracconi

So’ stato a baccajàne dar padrone
de casa che, lo sai, m’ha ricresciuto.
Avessi visto co’che suggizzione,
Peppe, quell’omo lì m’ha ricevuto!

– Lei – dice – avete tutte le raggione
de lagnavve; oggigiorno, te saluto!…
Doppo d’avé pagata la piggione,
che magna un ciorcinato? Pane e sputo.

La corpa nun è nostra: è l’inquilino
che nun cià sordi, poveraccio! Noi
tiramo avanti co’ le citazzioni.

Cercate de buscà de più, sor Nino,
fateve cresce la giornata e poi
nun vierete più a roppe li minchioni!