Cala che venni

21
di La sora Peppa

Si stavi a cuccia armeno quarche annetto,
oppuro annavi a coje la cicoria,
de certo avressi avuto meno boria
e meritato un tanto de rispetto.

Ancora m’aricordo quanno hai detto
– e in de ’ste cose ciò bona memoria –
che quer che hai scritto passerà a la storia:
come rompicojoni, ce scommetto!

«Cala che venni!» dicheno ar mercato,
percui devi calà, caro Peppino,
si nun te preme de restà sonato.

Intanto t’ariserbo quarche sleppa
e, casomai m’incazzo, t’arovino
o nu’ me chiamo più Granelli Peppa.