Er mascherone

22
di Nella Bruneri Giacone

Quanno sto a tu per tu co le perzone
pe nun faje capì l’affari mia
me metto un mascherone quarzisia
e ciannisconno dietro ogni emozzione.

E nun me vojo perde l’occasione
de oprì er sacchetto de la fantasia
indove che ce tengo una bucia
che me capo per ogni situazzione.

So’ arivata così a la concrusione
che si vòi vive bene sei sincero
solo de dietro a quela protezzione.

Però poi m’è venuto sto penziero:
che a forza de campà cor mascherone
nun so più quale è finto e quale è vero.