Brutta faccenna

90

LI STORNELLI DE BRUNO

Sette:  BRUTTA FACCENNA

Cià còrto de sorpresa e me domanno:

nun se sapeva de quer brutto mostro?

Da tempo in Cina annava spopolanno.

Prevedé, provedé nun è affar nostro?

Ce trovamio senza gnente

cor bruttissimo criente,

come quer Pietro

co ’na mano dinanzi e l’antra dietro.

Otto: MADONNA, AJUTECE TU!

Ha’ voja che, a Milano, er cardinale

onne invocà la grazzia a tanto scempio

s’è fatto a piedi un par de cento scale

montanno pizzo in pizzo ar sagro tempio.

Io, però, l’ho fatto prima:

’na preghiera in versi e rima.

Co me, co quello

ve supprico a pregà pe sto fraggello.