Benvenuta sora Peppa

40
di Giggi de Tormarancio

Ciamanca da ospità la sora Peppa
che s’è schiaffata immezzo a fà er commizzio
e io, da gradiatore de giudizzio,
nun vojo appioppà subbito la sleppa.

Nun so’ disposto a mettece la zeppa,
ner senzo d’accordaje er bonifizzio
der dubbio, nu’ je faccio ’sto servizzio!
Hai visto mai che fusse un capoteppa?

Ché troppo spesso dietro l’apparenza
così innocente, de perzona anziana,
ce s’annisconne la peggiore lenza.

È quell’esortazzione inviperita
a la riscossa che me pare strana,
ma forzi Peppa è vecchia e rimbambita.